Athanasios Argianas
Sculture su temi musicali e ritratti a tempera
Tra Modernismo e arte popolare, design dei primi strumenti musicali elettronici e macchine immaginate da Raymond Roussel


termina il 28 febbraio 2008
Galleria Alessandro De March - Milano
www.alessandrodemarch.it

Opera dalla mostra di Athanasios Argianas Prima personale italiana di Athanasios Argianas, trentunenne artista greco che vive a Londra. In mostra, alcune sculture dedicate a temi musicali e un gruppo di ritratti a tempera. Tutte le opere sono state realizzate appositamente per la mostra. Argianas fa parte di una generazione di artisti il cui lavoro si basa sulla stratificazione e sulla complessitÓ dell'ereditÓ culturale occidentale, soprattutto in riferimento al lascito dell'ultimo secolo. Il Modernismo e l'arte popolare; il design dei primi strumenti musicali elettronici e le macchine fantastiche immaginate dallo scrittore francese Raymond Roussel; il musicista di strada americano Moondog e il compositore minimalista La Monte Young sono solo alcune delle fonti, implicite o dichiarate, delle opere di Argianas. Fluttuando avanti e indietro nel tempo, l'artista sovrappone e collega in modo sofisticato estetiche apparentemente distanti, seguendo le somiglianze fra idee che corrono attraverso periodi storici diversi e le affinitÓ fra modi di pensare ipoteticamente privi di connessione.

La musica Ŕ un tema privilegiato: Argianas Ŕ anche musicista, e molte sue opere nascono dallo scambio fra la sfera uditiva e quella visiva. Una forma musicale (per esempio, il canone) pu˛ servire come ispirazione per la forma di una scultura; quest'ultima, a sua volta, pu˛ servire come modello per una composizione musicale, e cosý via. In questo processo di traduzione, traslazione, codifica, emerge l'interesse dell'artista per forme geometricamente chiuse su se stesse. La figura del cerchio, non a caso, ricorre spesso nel suo lavoro. Le sculture in mostra riecheggiano, in vario modo, temi musicali. La pi¨ grande allinea su una struttura di legno i frammenti di uno specchio ordinandoli per grandezza. La disposizione orizzontale, per file parallele, vuole suggerire l'immagine delle note su uno spartito, dettate in misura uguale dal caso e dalla razionalitÓ. Due sculture simmetriche, intitolate Proposals For Reading Consonants As Noise, rappresentano il rumore come una massa amorfa inquadrata da assi ortogonali (i parametri di altezza e durata del suono).

Simili, ma non identiche, rammentano che il rumore Ŕ un fenomeno acustico complesso, che sfida la capacitÓ dell'orecchio umano di memorizzarlo e, dunque, di comparare una sua manifestazione con l'altra. Una scultura di plexiglas tagliato al laser trasla un canone musicale composto dall'artista in ottagoni di misure diverse, dando vita a un ritratto scultoreo che sembra un profilo ruotato nello spazio. Le tempere inaugurano un ciclo di ritratti in cui i profili destro e sinistro del modello vengono posti l'uno di fronte all'altro. Lo stile Ŕ deliberatamente quello che si sarebbe potuto praticare in un'accademia di Belle Arti all'inizio del '900, solo che qui, come in tutti i dipinti di Argianas, l'ambientazione Ŕ notturna, e la gamma di colori Ŕ quella della luce artificiale. Infine, il titolo stesso della mostra costituisce un'opera, un diagramma impossibile.

MetÓ delle copie del comunicato stampa e degli inviti riporta un titolo, l'altra metÓ ne riporta un altro, leggermente diverso; ci˛ che cambia Ŕ la parola finale, in un caso "Start", nell'altro "End". In questo modo, si ottiene Sing Sideways / Sing From The Middle To The Start (Canta obliquamente / Canta da metÓ fino all'inizio) e Sing Sideways / Sing From The Middle To The End (Canta obliquamente / Canta da metÓ fino alla fine). Come se fosse possibile leggere uno spartito in due direzioni opposte, prive di ordine gerarchico, allo stesso tempo.



Puoi proseguire con la presentazione di mostre di altri artisti ellenici:

Kostis Velonis

Annal¨: Sui passi alati di Hermes

Alexandros Yiorkadjis

Vangelis Vlahos: Structures of influence

Demosthenes Davvetas: L'immagine al di lÓ delle parole

Libro sulla Grecia contemporanea dal 1974 al 2006 sulla storia politica, economica e sociale della Repubblica Ellenica La Grecia contemporanea (1974-2006)
di Rudy Caparrini, Vincenzo Greco, Ninni Radicini
prefazione di Antonio Ferrari, giornalista, corrispondente da Atene per il Corriere della Sera
ed. Polistampa, 2007

Presentazione | Articoli sulla Grecia


Grecia Moderna e Mondo ellenico

Mappa del sito www.ninniradicini.it

Home page