Grecia moderna e Mondo ellenico
Storia e arte in Grecia, mostre di pittori greci, festival del cinema greco

a cura di Ninni Radicini


2017 | 2016 | 2015 | 2014 | 2013 | 2012 | 2011 | 2010-2009 | 2007-2008

linea verticale
Libro sulla Storia contemporanea della Grecia dal 1974 al 2006 La Grecia contemporanea (1974-2006)
di Rudy Caparrini, Vincenzo Greco, Ninni Radicini
prefazione di Antonio Ferrari, giornalista, corrispondente da Atene per il Corriere della Sera
ed. Polistampa, 2007

Presentazione | Articoli sulla Grecia



Argomenti delle iniziative culturali presentate nel 2014:

  • "in Concerto". Marios Panteliadis (pianoforte) e Yorgos Siopoudis (violino)
  • Diario di Sotiris Kanellopoulos, partigiano della Guerra civile greca (1° marzo - 17 maggio 1949)
  • Andrea Valleri: Mythos
  • Francesco Maturanzio. Umanista che ha legato la cultura greca classica al Rinascimento perugino
  • Videozoom: Grecia
  • Alekos Panagoulis. Il dovere della libertà
  • Stefanos Tsivopoulos: Synapses
  • Drink Helleborus. Arti visive contemporanee tra Grecia e Italia
  • Corsi di greco moderno a Pisa 2014-2015 della Comunità Ellenica della Toscana tirrenica
  • Thessaloniki Documentary Festival 2014
  • Il Teatro dei manifesti. Mostra dei manifesti dell'Inda (Istituto Nazionale del Dramma Antico)
  • Atene - Roma. Canzoni in viaggio...
  • La voce della musica tra mito e leggenda
  • Rappresentazione a Trieste dell'opera di Iakovos Kambanellis degli studenti di neogreco
  • "Acque di Cipro, di Siria e d'Egitto: studio sul teatro in Kavafis"
  • "Tesori archeologici di Paros, Cicladi"
  • Presentazione del documentario storico drammatizzato "1866", di Foti Konstantinidis
  • Antigone, da Sofocle a Elsa Morante. Conversazione di Jolanda Leccese
  • Haris Epaminonda. Chapter IV. Prima mostra in Italia dell'artista di Cipro
  • Il Rebetiko: teoria e pratica. Seminario intensivo per bouzouki greco e strumenti a corde
  • Grecia e Magna Grecia. Mostra di fotografi Greci e Italiani


  • Concerto di Marios Panteliadis (pianoforte) e Yorgos Siopoudis (violino) "in Concerto"
    Marios Panteliadis (pianoforte) e Yorgos Siopoudis (violino)


    Musiche di M. Theodorakis, M. Xatzidakis, G. Konstantinidis, D. Dragatakis, G. Thimis, N. Oikonomou

    12 dicembre 2014, ore 20.30
    Palazzo Falletti di Villafalletto - Roma
    www.comunitaellenicaroma.it




    Copertina libro Neve e fango per dissetarmi - Diario di Sotiris Kanellopoulos, partigiano della Guerra civile greca - a cura di Silvia Calamati Neve e fango per dissetarmi
    Diario di Sotiris Kanellopoulos, partigiano della Guerra civile greca (1° marzo - 17 maggio 1949)

    a cura di Silvia Calamati, prefazione di Caterina Carpinato

    Presentazione libro
    05 dicembre 2014, ore 18.00
    Fiera Nazionale della piccola e media editoria: "Più libri, più liberi" (Palazzo dei Congressi) - Roma
    www.comunitaellenicaroma.it

    La tragica Guerra civile greca (1946-1949), scoppiata all'indomani dell'occupazione italo-bulgaro-tedesca della Grecia, rivive nel diario di Sotiris Kanellopoulos, del DSE (Esercito Democratico della Grecia). Riscoperte dalla giornalista Silvia Calamati, queste intense pagine ci riportano agli inizi del 1949, quando, nel corso della offensiva lanciata dall'Esercito Nazionale di Atene per annientare il DSE, Kanellopoulos è costretto in condizioni estreme a spostarsi di anfratto in anfratto sul massiccio del Taigeto, assieme ai membri della sua unità. Nel suo sofferto e doloroso diario, per due mesi e mezzo, raccoglie i suoi pensieri.

    Il libro è completato da un'analisi del periodo 1936-1949 dell'inglese Richard Clogg, studioso di storia greca moderna e contemporanea. Il ruolo svolto dal DSE durante la Guerra civile è invece l'oggetto del saggio di Polymeris Voglis, del Dipartimento di Storia dell'Università della Tessaglia. Arricchito dall'introduzione di Caterina Carpinato, Professore associato di Lingua e Letteratura Neogreca all'Università Ca' Foscari di Venezia, questo libro permette al lettore di conoscere non solo le vicende storico-politiche che fecero della Grecia uno dei primi terreni di scontro della Guerra Fredda, ma anche il più ampio contesto internazionale del secondo dopoguerra, con i suoi pesanti e tragici riflessi sull'Europa di oggi.

    Silvia Calamati, si è laureata in Filosofia nel 1984 all'Università Ca' Foscari di Venezia e ha continuato gli studi presso l'University College di Dublino. Esperta della questione nord-irlandese e collaboratrice di Rainews24. A Belfast ha ricevuto il Premio Internazionale Tom Cox Award per il suo impegno di giornalista e scrittrice. (Comunicato stampa Comunità Ellenica di Roma e Lazio)




    Mythos - mostra di Andrea-Valleri Andrea Valleri: Mythos
    21 novembre (inaugurazione ore 17.30) - 30 novembre 2014
    Sala Giubileo - Filoxenia - Trieste
    www.hfc-sezioneitaliana.com

    La Fondazione Ellenica di Cultura - Italia, la Comunità Greco-orientale di Trieste e l'Università di Trieste - Lingua Neogreca organizzano la mostra con opere di pittura e scultura di Andrea Valleri, artista e studioso di filosofia greca, presentate dal critico Flavio Andreoli. Avvicinare l'arte di Andrea Valleri costituisce una singolare avventura intellettuale e spirituale: la presenza drammatica e incalzante della tecnologia nella società odierna, la forza evocativa e simbolica degli antichi miti, idee e scenari del mondo classico, angosce e contraddizioni proprie dell'uomo post-moderno, trovano sintesi ed espressione nel linguaggio della Pop Art che ne amplifica la portata e ne ripete, in modo talvolta ossessivo (e sempre emozionante), le domande, le tensioni, la ricerca.

    Caratteristico dell'autore è l'approccio propriamente filosofico all'esperienza creativa (attitudine - questa - scritta del resto nel suo Dna, come testimoniano e la sua formazione culturale, e la sua stessa professionalità): da ciò la tendenza alla problematizzazione e alla ricerca intellettuale, aperte entrambe tanto alla risposta della filosofia antica, quanto a quella della teologia giovannea o a quella della scuola ermeneutica. La volontà che affiora nell'arte di Andrea Valleri (e soprattutto nella scultura) è quella della conoscenza come sintesi della memoria, testimoniata - sotto il profilo tecnico - dalle stesse procedure compositive attraverso le quali l'impegno creativo conduce alla realizzazione dell'opera.

    Le materie inerti (la pietra, il legno, il ferro) non si sommano semplicemente, né si sovrappongono, ma si penetrano in una sintesi finale aspra, e tuttavia profondamente unitaria, sostenuta magari dall'armonia avvolgente di movimenti flessuosi, quasi ad onde (cfr. ad es. Dioniso e Arianna) o dallo slancio verticale di forme nette e puntute (come nell'Archiloco). L'arte Pop di Andrea Valleri vuole offrire al fruitore la possibilità di una sintesi, di una rilettura ermeneutica capace di ricollegarlo alla tradizione storica dalla quale pure proviene. Avvicinare quest'arte può costituire davvero una interessante avventura spirituale, a patto di accostarla con animo sgombro da pregiudizi e disponibilità a lasciarsi guidare nei labirinti del pensiero dalla dichiarata volontà delle forme per costruire poi, nella propria dimensione interiore, quegli spazi di ricerca ai quali è fine stesso dell'opera condurre le coscienze.

    Le opere di Andrea Valleri sono state presentate in molte città della Grecia: alla Comunità di Thassos (2005, 2006, 2008), alla Pinacoteca del Pireo (2007), presso il Municipio di Halkida in Eubea (2007), presso il Municipio di Cefalonia (2009), alla Baslica di San Marco del Comune di Iraklio di Creta (2010), al Parlamento Ionio a Corfù (2011), alla Pinacoteca di Corfù e alla Pinacoteca di Rodi (2012). Sono state inoltre presentate in Italia, a Villanova (2004), all'Abbazia di Sesto al Reghena (2006), a Venezia (2007, 2009) e anche in Croazia, al Castello di Pazin (2007). (Comunicato stampa)




    Francesco Maturanzio
    Un Umanista patriottico alla corte dei Baglioni che ha saputo legare la cultura greca classica al Rinascimento perugino


    22 novembre 2014, ore 18
    Sala Santa Chiara - Perugia
    www.umbriagrecia.it

    Alberto Sartore, archivista e studioso di fama internazionale, parlerà con il suo intervento di un personaggio importantissimo per Perugia, l'umanista che ha arricchito di pregiati codici greci la Biblioteca Augusta, Francesco Maturanzio, noto ai più se non altro per la via a lui intestata. (Estratto da comunicato stampa Associazione Culturale Umbria-Grecia "Alarico Silvestri")




    Videozoom: Grecia Videozoom: Grecia
    14 novembre (presentazione ore 18.00 al Museo di Roma in Trastevere) - 29 novembre 2014
    Sala 1 - Centro Internazionale d'Arte Contemporanea www.salauno.com

    Videozoom è un'iniziativa "in progress" dell'Associazione Culturale Sala 1 - a cura di Maria Dialektaki e Maria Papaioannou - che intende mostrare la video arte contemporanea in diverse realtà territoriali. La crisi finanziaria che affligge la Grecia negli ultimi anni ha colpito significativamente la società. Le persone sono costrette a confrontarsi con i bisogni crescenti e con una realtà in tumultuosa trasformazione. Allo stesso tempo, la consapevolezza di essere nel mezzo di una costante e radicale trasformazione porta ad un contrasto netto con il profondo senso di stagnazione e incertezza. Sorprendentemente il mondo continua a muoversi secondo lo stesso rapido ritmo mentre il tempo diviene sempre più relativo; i suoi confini una volta così chiaramente delimitati si dissolvono, la capacità di pianificare a lungo termine si indebolisce e i punti di riferimento preesistenti vengono meno.

    Come affermava il filosofo tedesco Martin Heidegger, l'uomo tenta costantemente di comprendere il tempo soltanto nei termini limitati della sua vita. In questo senso, il tempo può solo essere percepito attraverso il concetto di mortalità e l'unico e consapevole punto di contatto dell'uomo con il tempo è il quasi inimmaginabile concetto di presente. Quando il momento attuale è così incerto e appare così desolante, come può il senso e il significato del tempo mutare forma? Gli artisti Loukia Alavanou & Cecilia Jardemar, Bill Balaskas, George Drivas, Vasilis Patmios Karouk, The Spiritual Studio, e Lina Theodorou registrano il cambiamento della propria personale realtà e riflettono i propri pensieri privati sulla ricerca di tale significato in un momento cruciale per il loro paese. (Comunicato stampa)




    Copertina libro Alekos Panagoulis. Il dovere della libertà Alekos Panagoulis. Il dovere della libertà
    di Samantha Falciatori

    Presentazione libro
    25 ottobre 2014, ore 18
    Biblioteca San Matteo degli Armeni - Perugia
    www.umbriagrecia.it

    Al dibattito sul personaggio Alekos Panagoulis, il giovane protagonista della Resistenza contro il regime dei colonnelli in Grecia e simbolo indiscusso della lotta per la libertà, interverranno insieme all'autrice, Claudia Minciotti Tsoùkas e Dimitri Deliolanes.




    Stefanos Tsivopoulos: Synapses
    Milano, 16-17 settembre 2014 (dalle 15 alle 19)

    A cura di Matteo Lucchetti in collaborazione con Careof DOCVA in occasione della mostra personale dell'artista presso Prometeo Gallery di Ida Pisani. Synapses si compone di sette azioni minime e immateriali, costruite oppure improvvisate, che avvengono contemporaneamente in sette diversi luoghi pubblici e privati di Milano, nell'arco temporale di un pomeriggio. Ogni situazione è legata alla specificità dell'ambiente che la ospita fungendo, in maniera più o meno esplicita, da cassa di risonanza per il tessuto storico, sociale ed economico di questi sette angoli di Milano. Il progetto può essere letto anche in relazione con History Zero, il film che l'artista ha presentato nel 2013 presso il padiglione greco della Biennale di Venezia, dove tre storie individuali diverse tra di loro mostravano altrettanti approcci all'economia e alla sue dinamiche, sullo sfondo di una Grecia dominata da una crisi monetaria totalizzante. (Comunicato stampa Careof DOCVA)




    Drink Helleborus
    Arti visive contemporanee tra Grecia e Italia


    05 settembre (inaugurazione ore 17.00) - 11 settembre 2014
    Antikyra - Grecia

    Rassegna che vede protagonista la Grecia e l'Italia in un dialogo culturale e interdisciplinare nel campo delle arti visive contemporanee. La proposta culturale è ideata per favorire la più ampia conoscenza, ricerca e sperimentazione delle arti visive, documentando anche, attraverso residenze artistiche site specific, le ricerche estetiche e artistiche di una rosa di artisti italiani con prevalenza provenienti dalla Puglia.

    Presentazione mostra




    Locandina Corsi di greco moderno a Pisa 2014-2015 della Comunità Ellenica della Toscana tirrenica Corsi di greco moderno a Pisa 2014-2015 della Comunità Ellenica della Toscana tirrenica
    Pisa, inizio 03 settembre 2014 - iscrizioni aperte
    comunitaellenicadipisa.blogspot.it

    Insegnante madrelingua: Prof.ssa Androniki Tachi-Lavouti (Laureata in Lettere e Filosofia, Indirizzo lingua e letteratura greca moderna e antica, Università Aristotele di Salonicco)



    - Cosa imparerai in questo corso

    A capire e ad usare espressioni comuni di greco moderno per essere in grado di comunicare nelle situazioni quotidiane. A presentarti e a comunicare con gli altri, a fare domande e rispondere alle domande che riguardano la tua vita, ad esempio da dove vieni, dove abiti e altre informazioni. In questo corso discuteremo di argomenti di base come casa, lavoro, famiglia, vita quotidiana, cucina, cosa ti piace e cosa no, descrivere persone, fare shopping, viaggiare e altre.

    - Contenuto del corso

    Grammatica: formazione e uso dei verbi, pronomi interrogativi, coniugazione dei verbi (gruppi 1,2, 3), verbi impersonali, preposizioni, pronomi possessivi, avverbi, aggettivi comparativi, voce attiva e passiva dei verbi e tante altre nozioni.

    Vocabolario: sarai in grado di arricchire il tuo vocabolario grazie alla capacità di leggere, ai video e agli audio-files.

    Leggere: ci concentreremo anche sulla lettura perché i testi non ti aiuteranno solo a migliorare il tuo livello di lettura ma arricchiranno anche il vocabolario.

    Conversazione: tutte le cose precedenti aiuteranno a creare una base molto buona per avere la confidenza di parlare in greco e fare conversazioni. La conversazione sarà la parte più importante della lezione. (Comunicato stampa)




    Thessaloniki Documentary Festival 2014

    L'edizione 2014 della rassegna di cinema documentario svoltasi a Salonicco ha presentato un programma di 191 film da 42 Stati con la partecipazione di 52 autori stranieri. Con dieci sezioni competitive e omaggi alla carriera per Peter Wintonick e Nicolas Philibert.

    Articolo




    Il Teatro dei manifesti
    Mostra dei manifesti dell'Inda (Istituto Nazionale del Dramma Antico)


    termina il 28 giugno 2014
    Galleria Roma - Siracusa
    www.galleriaroma.it

    Siracusa, come è noto, deve la sua fama e il suo prestigio soprattutto al suo passato. Sulla stessa storia, oggi, si basa ancora la sua notorietà perché il Teatro Greco non è solo un monumento ma un luogo vivo che raccoglie ancora il pubblico delle Tragedie e delle Commedie scritte più di duemila anni fa da sommi autori come Euripide, Eschilo, Sofocle e Aristofane. Su questo passato Siracusa vive con orgoglio il presente.

    «Quest'anno ricorre il primo centenario dell'Istituto Nazionale del Dramma Antico nato, per genialità e passione, da un'idea illuminata del Conte Mario Tommaso Gargallo, figlio di questa nostra terra e nobile di stirpe. Nell'ambito delle attività teatrali, a partire dalla prima del 1914, l'Agamennone di Eschilo, riproposte nel nostro magnifico e ben conservato teatro greco, la storia degli spettacoli classici, dei suoi attori, dei suoi registi, dei suoi traduttori, dei suoi scenografi, dei suoi musicisti e dei suoi costumisti, non può non tener conto della fondamentale importanza dei disegnatori di cartelloni-rèclame, che hanno contribuito a divulgare nel mondo l'immagine storica e culturale della nostra città.

    A scrivere per primi sui manifesti degli spettacoli classici siracusani sono stati il prof. Giusto Monaco, Commissario dell'INDA e il Prof. Filippo Amoroso, suo assistente. Soprattutto quest'ultimo provvide, dopo un'accurata ricerca storica negli archivi del palazzetto dell'INDA di Corso G. Matteotti, oggi meglio conosciuto come Palazzo Greco, a compilare una cartella con 28 stampe di manifesti, a partire dal primo del 1914 realizzato dal triestino Leopoldo Metlicovtz, fino a quello di Emilio Greco per il ciclo del 1984. Alla casa Editrice Ediprint di Arnaldo Lombardi fu affidata la stampa di questa prima riproduzione iconografica dei manifesti INDA. Una dettagliata recensione sui ventinove manifesti raccolti in questa prima Cartella fu scritta da Enzo Papa sulla rivista della Provincia di Siracusa, Anno III° n. 3 maggio - giugno 1984, direttore Bernardo Giuliano, direttore responsabile Carlo Filippelli.

    Sfogliando la suddetta cartella possiamo ammirare la bella produzione realizzata da Duilio Cambellotti, che copre quasi un ventennio di attività (1921, '22, '24, '27, '30, '33, '39). Nel 1972 l'Istituto ripropone per gli spettacoli di Medea di Euripide e di Edipo Re di Sofocle, la ristampa del manifesto del 1922. Così pure nel 1974 viene ristampato il manifesto del 1914 di Metlicovtz, aggiungendo ai lati del tripode fiammante gli anni corrispondenti (1914/1974).

    Ho già scritto sui manifesti di Alfonso Amorelli, artista dalle lunghe linee e dalle figure giunoniche imponenti, vedi l'affresco nel Salone dell'INDA datato 1952 e la serie di manifesti realizzati negli anni 1952, '54, '56, '58 e '60 oltre a una svariata serie di cartoline e depliants relative agli spettacoli fino al 1972. Nel 1962 a realizzare il manifesto è Piero Zuffi, autore della scenografia di Ecuba e di Ione di Euripide in cartellone per quell'anno. Nel lungo intermezzo che va dal 1964 al 1998 l'Istituto ha bandito diversi concorsi nazionali per la realizzazione dei manifesti, che, annualmente, venivano scelti da una apposita commissione. Dal 1978 il Commissario Prof. Monaco decide di invitare, di volta in volta, i maggiori pittori nazionali a creare il manifesto per gli spettacoli classici siracusani.

    L'idea ottiene dei risultati straordinari. Una lunga serie di manifesti, che portano le firme di Renato Guttuso, Bruno Caruso, Salvatore Fiume, Emilio Greco, Angelo Marzullo, Gaetano Tranchino, Francesco Trombadori, Piero Guccione, sono la testimonianza del valore culturale e del prestigio di cui gode la nostra importante centenaria Istituzione siracusana. Nel 1998 il Presidente prof. Umberto Albini invita il Maestro Mario Schifano, propulsore della Pop Art in campo nazionale ed europeo, a realizzare il manifesto per il XXXV Ciclo di Spettacoli Classici. Tocca al sottoscritto ritirare l'opera nello studio di via Delle Cancellate in Roma e curarne il progetto grafico. Non credo di poter andare oltre con la memoria anche perché il mio rapporto di lavoro con l'INDA si è concluso nel 1999, dopo circa un quarantennio di collaborazione.» (Concetto Gilè)




    Locandina concerto Atene - Roma Atene - Roma
    Canzoni in viaggio...

    Con il soprano Sonia Theodoridou e l'Oschestra mobile / Direttore Theodoros Orfanidis

    19 giugno 2014, ore 21.00
    Teatro Argentina - Roma
    www.comunitaellenicaroma.it






    La voce della musica tra mito e leggenda
    L'evoluzione musicale tra miti, leggende e tradizioni nella cultura e nella storia


    08 giugno 2014, ore 18.00
    Palazzina Liberty - Milano
    www.centroellenicodicultura.it

    Intervengono: Andrea Schudtz (M° Liutaio), Gabriele Bortoluzzi (violinista), Giovanni Sardo (violinista), Federica Bortoluzzi (pianista), Sergio Scappini (fisarmonicista), Kyriaki Triantafyllou (mezzo soprano).
    Coordinamento artistico: Claudio Bortoluzzi, Nicoletta Bertocchi




    Platea rappresentazione La corte dei Miracoli a Trieste Palcoscenico e platea per La corte dei miracoli La corte dei Miracoli - palcoscenico "La Corte dei Miracoli" a Trieste
    Rappresentazione dell'opera di Iakovos Kambanellis degli studenti di neogreco


    Nell'ambito dei programmi educativi della Fondazione Ellenica di Cultura - Italia, dell'Università di Trieste - Lingua Neogreca e della Comunità Greco-Orientale di Trieste, è stato presentato a Trieste il 31 maggio 2014 alle 20.30 presso la Sala del Ricreatorio Comunale "Toti" dagli studenti di neogreco presentano l'opera teatrale di Iakovos Kambanellis La corte dei miracoli. L'evento era patrocinato dal Consolato Generale di Grecia a Trieste e dal Consolato di Cipro a Trieste.

    Opera greca moderna presentata per la prima volta nel 1957 dal Teatro dell'Arte ad Atene con la regia dello scrittore stesso. E' considerata una delle opere che hanno segnato l'evoluzione del teatro greco. Oggi, oltre cinquant'anni dopo la sua scrittura, conserva ancora parte della sua prima freschezza e viene messo spesso in scena da gruppi teatrali di professionisti e non. Gli eventi si sviluppano in un rione popolare di Atene, negli anni '50. Nelle stanze di un cortile del quartiere Vyronas abitano persone e famiglie della classe popolare, che hanno però provenienze diverse.

    Il vecchio Iordanis, sua moglie e i suoi figli sono profughi dell'Asia Minore. La signora Annetò è vedova e sua figlia si è sposata in Inghilterra. Stelios è un sognatore ateniese con molte debolezze, mentre sua moglie Olga è nata in Russia prima della Rivoluzione. Voula e Babis sono una coppia che alternativamente si scambia smancerie e si prende per i capelli. Maria è la moglie di un marinaio, tormentata dalla solitudine. A questi abitanti, si aggiunge poi anche Stratos, un idraulico, che metterà in subbuglio la quiete emotiva della piccola società del cortile. La presentazione dell'opera teatrale è il risultato di uno sforzo sentito durato due anni da parte degli studenti di neogreco, che hanno dedicato molte ore alla preparazione.

    Gli studenti che partecipano come attori sono, in ordine alfabetico: Iannis (Angelo Albertelli), Vula (Elena Albertelli), Postino (Laura Casaleggi), Maria (Caterina Cavallet), un uomo (Theodoros Gounaridis), Annetò (Paola Guida), Stratos (Giacomo Klein), Dora (Dimitra Kontogiannis), Olga (Valentina Norcia), Iordanis (Petros Palmos), Astà (Luisa Tolmar), II ingegnere (Andrea Turco), Stelios (Gianni Turco), Babis (Roberto Turrisi), I ingegnere (Riccardo Valentini).

    La cura della presentazione e della regia è dell'insegnante di neogreco Anastasia Kouveli. L'opera verrà presentata in lingua greca con sottotitoli in italiano. La traduzione del testo verso l'italiano è stata fatta dagli studenti Gianni Turco, Valentina Norcia, Riccardo Valentini e Olivia Tommasini insieme all'insegnante Maria Kassotaki. Il sottotitolaggio è stato fatto dai collaboratori della Fondazione Ellenica di Cultura - Italia, Aliki Kefalogianni e Caterina Cavallet. La scenografia è di Fulvia Sbisa-Sveronis, Fenia Michailidou e Aliki Kefalogianni.

    La rappresentazione ha avuto particolare successo e il pubblico è stato particolarmente entusiasmato dalle scene e dal fatto che venisse presentata un'opera teatrale della letteratura neogreca degli anni '50 e una Grecia poco conosciuta in Italia. La rappresentazione si è chiusa con un'interpretazione da parte del coro italo-greco di Trieste "Messoghios" e il pubblico ha avuto l'occasione di assaggiare cibi greci offerti dalle signore Marina Kedrou, Ioanna Contento, Eleni Hiotaki, Kalliopi Panganopoulou, Karolina Panagiotopoulou, Maria Kassotaki e Maroula Vikou. E' stata una rappresentazione di grande successo, realizzata da volontari che si sono impegnati con passione per molte ore.




    "Acque di Cipro, di Siria e d'Egitto: studio sul teatro in Kavafis"
    23 aprile 2014, ore 21
    Teatro Vascello - Roma
    www.comunitaellenicaroma.it

    Traduzioni delle poesie di K. P. Kavafis a cura di Renata Lavagnini, Paola Maria Minucci, Massimo Peri, Filippo Maria Pontani, Nelo Risi e Margherita Dalmati
    Scelta, cura dei testi, regia: Michalis Pierìs
    Musica: Evagòras Karaghiorghis
    Costumi: Stavros Antonopoulos
    Responsabile di produzione, aiuto regista: Stamatìa Laumtzì




    Tesori archeologici di Paros, Cicladi - Conferenza di Yannos Kourayos "Tesori archeologici di Paros, Cicladi"
    10 aprile 2014, ore 16.45-19.00
    Teatro del Museo Nazionale Romano di Palazzo Altemps - Roma
    www.comunitaellenicaroma.it

    Conferenza dell'archeologo Yannos Kourayos sugli scavi del tempio di Apollo a Despotikò di Antiparos.







    Creta Presentazione del documentario storico drammatizzato "1866", di Foti Konstantinidis
    29 marzo 2014, ore 18.00, Biblioteca della Comunità Greco Orientale di Trieste
    30 marzo, ore 14.30, Istituto di Studi Bizantini e Postbizantini di Venezia
    www.hfc-sezioneitaliana.com

    Il documentario drammatizzato, prodotto dal Museo Nautico di Creta (durata 30 minuti), mostra l'evoluzione storica di Creta dal 1855 fino alla liberazione dal giogo Ottomano e all'Unione con la Grecia. Asse centrale, la sconvolgente rivoluzione del 1866, e personaggi principali il comandante Generale di Kydonìa, Iannis Hatzimichalis, e suo nipote Andonis. Il documentario verrà proiettato con sottotitoli in italiano. Il Direttore dell'Archivio storico di Creta, dott. Furnarakis, presenterà il poema storico I Kritikopùla - La Piccola Cretese, di Hatzimichalis Iànnaris, a cui si è ispirato l'autore del documentario.

    Iniziativa organizzata, in occasione della ricorrenza della Festa Nazionale Greca del 25 marzo, dalla Fondazione Ellenica di Cultura - Italia, dalla Comunità Greca di Trieste, dall'Archivio Storico di Creta e dal Museo Nautico di Creta e viene realizzata con il sostegno del Ministero della Cultura di Grecia e con il patrocinio del Consolato Greco di Trieste. A Venezia, l'iniziativa è organizzata dal Consolato Generale Greco di Venezia, dalla Comunità dei Greci Ortodossi di Venezia, dall'Archivio Storico di Creta e dal Museo Nautico di Creta.




    Locandina della Conversazione di Jolanda Leccese su Antigone da Sofocle a Elsa Morante Antigone
    da Sofocle a Elsa Morante

    Conversazione di Jolanda Leccese


    26 marzo 2014, ore 17.00
    Biblioteca comunale di Taranto
    dopolavorofilellenico.blogspot.it

    Appuntamento culturale, al quale il Dopolavoro Filellenico di Taranto collabora per l'organizzazione con Società Dante Alighieri, sezione di Taranto, presieduta da José Minervini e con AICC, Associazione Italiana di Cultura Classica, delegazione di Taranto, presieduta da Adolfo Mele, socio del Dopolavoro Filellenico. Nel corso della serata l'attrice e regista Laura Alessandrino reciterà brani scelti delle opere oggetto di lettura.




    Haris Epaminonda. Chapter IV
    Prima mostra in Italia dell'artista di Cipro


    14 marzo (inaugurazione ore 18) - 18 maggio 2014
    Fondazione Querini Stampalia - Venezia

    La Fondazione Querini Stampalia propone la prima mostra personale in un'istituzione italiana dell'artista cipriota Haris Epaminonda (1980). Haris Epaminonda si è affermata negli ultimi anni come una delle figure centrali nel panorama artistico della sua generazione a livello internazionale.

    Presentazione mostra




    Il Rebetiko: teoria e pratica
    Seminario intensivo per bouzouki greco e strumenti a corde


    01-02 marzo 2014
    International Music Institute - Roma
    www.carmelosiciliano.it

    Il seminario, a carattere sia teorico che pratico, si rivolge in particolare agli strumenti impiegati nella musica rebetika (bouzouki, tzouras, baglamas, chitarra) ma è aperto anche a qualsiasi altro strumento a corde. Il programma prevede lo studio della teoria modale del rebetiko (i dromi) e dei relativi ritmi, l'ascolto e l'esecuzione di alcuni brani del repertorio, esercizi di tecnica per entrambe le mani e nozioni di prassi esecutiva ed ornamentazione melodica. E' indispensabile la preiscrizione compilando l'apposito modulo che si trova nel sito.




    Grecia e Magna Grecia
    Mostra di fotografi Greci e Italiani

    febbraio-settembre 2014

    Presentazione



    * Ninni Radicini, coautore del libro La Grecia contemporanea (1974-2006), ha pubblicato articoli su vari periodici, recensioni e prefazioni a libri.

    Newsletter Kritik di Ninni Radicini - Arte Cultura Libri
    Prima del nuovo numero di Kritik


    Lista articoli di Ninni Radicini

    Prefazioni e recensioni di Ninni Radicini

    Mappa del sito www.ninniradicini.it

    Home page