La Trinacria - Storia e Mitologia

di Ninni Radicini

La trinacria simbolo della Sicilia di origine greca Il simbolo della trinacria è oggi conosciuto perchè presente nella bandiera della Sicilia e in quella dell'Isola di Man. La sua storia è articolata e per alcuni versi ancora avvolta nel mistero, o comunque nella indeterminatezza, poichè si ricollega alla mitologia. La trinacria, simbolo della Sicilia, è composta dalla testa della Gorgone, i cui capelli sono serpenti intrecciati con spighe di grano, dalla quale di irradiano tre gambe piegate all'altezza del ginocchio. La Gorgone è un personaggio mitologico, che secondo il poeta greco Esiodo (VIII - inizio VII sec. a.C.) era ognuna della tre figlie di Forco e Ceto, due divinità del mare: Medusa (la gorgone per antonomasia), Steno ("la forte"), Euriale ("la spaziosa").

Avevano zanne di cinghiale, mani di bronzo, ali d'oro, serpenti sulla testa e nella vita, abitavano presso le Esperidi (figlie di Atlante, abitanti presso l'isola dei Beati, nella parte più occidentale del mondo), ed erano in grado, con uno sguardo, di pietrificare gli uomini. Le spighe di grano sono simbolo della fertilità del territorio. Le tre gambe rappresentano i tre promontori, punti estremi dell'isola - capo Peloro (o punta del Faro, Messina: Nord-Est), capo Passero (Siracusa: Sud), capo Lilibeo (o capo Boeo, Marsala: Ovest) - la cui disposizione, si ritrova nel termine greco triskeles, e si ricollega al significato geografico: treis (tre) e akra (promontori): da cui anche nel latino triquetra ("a tre vertici").

La disposizione delle tre gambe, facendo pensare a una rotazione, ha portato gli studiosi a risalire fino alla simbologia religiosa orientale, in particolare quella del dio del Tempo Baal (nel cui monumento a Vaga (Beja, in Tunisia), sopra il toro, vi è una trinacria) - oppure a quella della luna, dove le tre gambe sono sostituite da falci. In Oriente - in Asia Minore - tra il VI e il IV secolo a.C. la trinacria fu incisa nelle monete di varie città, in antiche regioni, quali: Aspendo (in Panfilia: sul Mediterraneo orientale), Berrito e Tebe (nella Troade: territorio intorno alla città di Troia, tra lo Scamandro e l'Ellesponto), Olba (in Cilicia; tra Armenia e Siria), e in alcune città della Licia (Sud-Ovest, sul mare).

Pur in mancanza di riferimenti alla conformazione geografica, il simbolo fu utilizzato anche a Creta, in Macedonia, e nella Spagna celtiberica (area centrosettentrionale). Omero, nella Odissea, alludendo alla forma dell'isola, utilizza il termine Thrinakie, che deriva da thrinax ("dalle tre punte"). La tesi sulle origini della trinacria trovano un riferimento sostanziale nella storia della Grecia antica. I combattenti spartani incidevano nei loro scudi una gamba bianca piegata all'altezza del ginocchio: simbolo di forza. Questa immagine si ritrova nei dipinti sui vasi antichi, ed è anche in una monografia del 1863 sull'argomento, scritta dal filosofo tedesco K.W. Goettling.

I normanni, arrivati in Sicilia nel 1072, "esportarono" la trinacria nell'isola di Man, che la scelse come simbolo in sostituzione di quello precedente - un vascello - di origine scandinava. Un esempio della rilevanza simbolica della trinacria, nella storia della Sicilia, si è avuta il 30 agosto del 1302 con la costituzione dell'Isola in regno di Trinacria, a seguito della pace di Caltabellotta, alla conclusione della guerra del Vespro, che vide la contesa tra gli angioini e i siciliani ai quali si allearono gli aragonesi. La sovranità del Regno era, dal punto di vista formale, assegnata a Federico II d'Aragona (1227-1337); di fatto era indipendente dal resto dei possedimenti aragonesi nell'Italia meridionale.

La trinacria è presente anche negli stemmi di varie dinastie nobili quali gli Stuart d'Albany d'Inghilterra, (forse derivato proprio dal loro dominio su isole del mare d'Irlanda, tra cui l'isola di Man), i Rabensteiner di Francia, gli Schanke di Danimarca, i Drocomir di Polonia, e in quello di Gioacchino Murat, re delle Due Sicilie all'inizio del 1800. La trinacria è al centro della bandiera della Sicilia, di colore rosso e giallo in senso diagonale, approvata nel gennaio 2000. La legge stabilisce che la bandiera siciliana sia esposta all'esterno del Parlamento siciliano (Assemblea regionale siciliana), della sede della Giunta regionale, delle sedi dei consigli provinciali e comunali, delle sedi dei presidenti delle provincie regionali e dei sindaci dei comuni, le sedi degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, gli edifici in cui sono costituiti seggi elettorali in occasioni delle elezioni per il rinnovo del Parlamento siciliano.



* Ninni Radicini, coautore del libro La Grecia contemporanea (1974-2006), ha pubblicato articoli su vari periodici, recensioni e prefazioni a libri.

Lista articoli di Ninni Radicini

Prefazioni e recensioni di Ninni Radicini a libri



English Language version of the article

Deutsch Sprache Version des Artikels



[] Sicilia []

Aspetti dell'arte italiana fra gli anni Trenta e Settanta
Sebastiano Carta, Bruno Caruso, Renato Guttuso, Giuseppe Mazzullo e Saro Mirabella


16 dicembre 2016 (inaugurazione ore ore 19.00) - 27 gennaio 2017
Palazzo Marchesale - Santeramo in Colle (Bari)

L'esposizione vuole rendere omaggio ad alcuni tra i più significativi artisti del panorama italiano del Novecento, accumunati dalla terra d'origine, la Sicilia, che hanno lasciato un segno indelebile nel linguaggio dell'arte del XX secolo.

Presentazione mostra



Notizie in breve su Grecia, Sicilia e Mondo Ellenico
- 2016-2015


Siracusa Paleocristiana. Sulle tracce della cristianità delle origini a Siracusa (2016)

Mito e Natura. Dalla Grecia a Pompei. Arte nella Magna Grecia e nell'Italia meridionale

Magna Grecia (Poesia di Nidia Robba)

Archimede e il laser

- 2014-2013

Il Teatro dei manifesti. Mostra dei manifesti dell'Inda (Istituto Nazionale del Dramma Antico)

Grecia e Magna Grecia. Mostra di fotografi Greci e Italiani

Incontro Culturale. "Un Basileus in Sicilia - Costante II"

Festival del cinema Valle dei Templi di Agrigento

Festival internazionale del cinema archeologico di Selinunte

- 2012-2011

Incontro Culturale: "L'attualità di Archimede nella Filosofia"

Incontro Culturale: "Archimede Pitagorico: Mito e Realtà"

Festival Cinema Archeologico di Selinunte

- 2010-2009

Le vecchie e il mare, di Ghiannis Ritsos

Cipro: arte, musica e teatro. Nel 50esimo anniversario della indipendenza

L'ambra tra mitologia e civiltà ellenica

Festival del cinema archeologico "Valle dei Templi"

Necropoli ellenica scoperta a Gela

Convegno: "Immaginario siracusano"

Rassegna Internazionale Cinema Archeologico 2009 | Documentari su Grecia e Sicilia Ellenica

Studenti greci a Palermo

Jannis Kounellis. Arte contemporanea tra Grecia e Italia

- 2008-2007

La nave greca arcaica di Gela: dallo scavo al restauro

Sicilia: Una nave greca del VI sec. a.C riemerge a Gela

Festival del Cinema Archeologico "Valle dei Templi"

Musica e rito nella Sicilia e nel Mediterraneo di età greca (VI-III sec. a.C.)

Archimede e le sue fortune

Eikon

Sicani e Siculi nella Sicilia orientale prima della colonizzazione greca

La Comunità Ellenica di Palermo: tradizione nell'attualità

Calatafimi Segesta Festival 2007

Sikelia

Medea al Teatro Antico di Taormina

Siracusa e Corinto, come 3000 anni fa

Grecia e Sicilia: Jannis Kounellis e il Festino di Santa Rosalia

Palermo: Il regista greco Yorgos Avgeropoulos vince la 3a edizione di EcoVision Festival



Puoi proseguire sull'argomento con i seguenti articoli:
Sicilia e Grecia
Città fondate da siciliani e greci, re siciliani greci, mostre sulla Grecia in Italia, iniziative culturali tra Grecia e Italia e in occasione delle Olimpiadi di Atene 2004

Sicilia e Grecia, la poesia e la musica

e la seguente recensione:
The Rough Guide - Sicilia

Newsletter Kritik - Arte Libri Festival del Cinema Convegni


Libro sulla Storia contemporanea della Grecia dal 1974 al 2006 La Grecia contemporanea (1974-2006)
di Rudy Caparrini, Vincenzo Greco, Ninni Radicini
prefazione di Antonio Ferrari, giornalista, corrispondente da Atene per il Corriere della Sera
ed. Polistampa, 2007

Presentazione | Articoli sulla Grecia


Mappa del sito www.ninniradicini.it

Home page

Copyright © 2007-2016 by Ninni Radicini - Tutti i diritti riservati - All rights reserved