Cipro: Nuovo negoziato per la riunificazione

di Ninni Radicini
30 settembre 2008


Demetris Christofias - presidente della Repubblica di Cipro - e Mehmet Ali Talat - leader della entità turco-cipriota - hanno avviato il 3 settembre un negoziato bilaterale con la mediazione dell'inviato speciale ONU, Alexander Downer, ex ministro degli esteri australiano. Christofias, segretario generale di Akel (Partito progressista dei lavoratori) ha vinto le Presidenziali nel feb. '08, al secondo turno. Talat, già leader del Partito repubblicano turco, è al vertice della sua comunità dall'apr. '05. L'isola è divisa dal 1974 a seguito all'invasione dell'esercito turco, avanzato fino a occuparne quasi il 40%. Nel nov. '83 quest'area, a maggioranza turco-cipriota, dove permane la presenza delle truppe di Ankara, è stata proclamata "Repubblica turca di Cipro Nord", riconosciuta solo dalla Turchia; non dalla comunità internazionale poiché dichiarata illegale dall'ONU, con varie risoluzioni del Consiglio di Sicurezza.

I tentativi di superare la divisione sono finora naufragati per l'impossibilità di trovare un accordo tra le due comunità sulla futura architettura istituzionale. Cipro - prima e dopo l'indipendenza nel '60 - ha rappresentato uno dei nodi più complessi nelle relazioni internazionali, per la posizione strategica nel Mediterraneo, la composizione etnica e il percorso storico, al punto da determinare il coinvolgimento sistematico di Grecia, Turchia, Usa, Urss, Gran Bretagna. Nell'apr. '04 il piano per la riunificazione proposto da Kofi Annan, ex segretario ONU, sottoposto a referendum, fu approvato nell'area turco-cipriota ma respinto da un'ampia maggioranza dei greco-ciprioti, poichè avrebbe comportato la formazione non tanto di uno stato unitario quanto di una confederazione (da cui un riconoscimento di fatto dell'entità turco-cipriota occupata militarmente) oltre a una serie di impegni di natura economica e finanziaria a carico di Nicosia.

Tra il '06 e il '07 Tassos Papadopoulos, allora presidente della Repubblica, sbloccò lo stallo proponendo un negoziato che avesse come obiettivo il raggiungimento di una serie di accordi su questioni tecnico-amministrative per la convergenza tra le due comunità. I primi incontri del nuovo negoziato sono entrati subito nel merito dell'articolazione dei tre poteri (legislativo, esecutivo, giudiziario). Tra le questioni delicate vi è quella delle proprietà dei greco-ciprioti rimaste nell'area occupata e quella dei coloni turchi fatti arrivare da Ankara (Nicosia è pronta a concedere la cittadinanza a 50mila di essi). Da Atene, il ministro degli Esteri Dora Bakoyiannis ha espresso fiducia nell'iniziativa, ribadendo l'essenzialità del contributo della Turchia, il cui accesso alla UE dipende dall'applicazione dei principi e dei valori europei, tra cui l'obbligo del riconoscimento della Repubblica di Cipro (nella Ue dal '04). La Turchia infatti, a tre anni dall'avvio del negoziato con Bruxelles, non ha ancora esteso a Nicosia il protocollo di unione doganale firmato con la UE nel '95. In conseguenza, aerei e navi provenienti dalla Repubblica di Cipro non possono entrare in Turchia.

Seppure il clima sia diverso da quello del '04, Marcos Kyprianou, ministro degli Esteri di Cipro, ha detto che sarà determinante il margine di trattativa concesso da Ankara a Talat e l'assenza di strumentalizzazioni. In tal senso è stata salutata con favore la ferma posizione della Russia che ha confermato il non riconoscimento dell'entità turco-cipriota, con la conseguente interruzione di ogni manovra che avrebbe voluto collegare la questione cipriota ai recenti sviluppi nel Caucaso. Nicosia ha avanzato da tempo l'ipotesi che il futuro stato unitario sia su base federale bi-comunale e bi-zonale. Già questa, precisano le autorità cipriote, è una concessione notevole al lato turco-cipriota, poiché prima dell'invasione del '74 l'isola non aveva una divisione geografica e d'altra parte la Linea Verde, che separa le due aree, non può essere considerata un confine.

Olli Rehn, Commissario europeo per l'Allargamento, ha espresso sostegno a Nicosia e di recente nell'isola è arrivata una delegazione di ELDR - Partito dei Liberali Democratici e Riformisti Europei per sostenere il negoziato. Tra gli aderenti di ELDR vi è Italia dei Valori e, a Cipro, il partito Democratici Uniti. Intanto la Commissione europea ha stanziato 450mila euro per le scuole secondarie e primarie dell'entità turco-cipriota. Grazie soprattutto al turismo e all'indotto, Cipro è uno degli stati europei più virtuosi. Secondo i dati Eurostat, ad agosto '08 ha segnato una inflazione al 5.1% (-0.7 da luglio) in una classifica che vede al primo posto l'Olanda (3%) e all'ultimo la Lettonia (15.6%). Per il '09 è prevista una crescita del 3.7%, una riduzione dell'inflazione al 2.5-3% e del debito pubblico al 45%.



* Articolo pubblicato da Orizzonti Nuovi - Periodico di informazione e analisi di Italia dei Valori

* Ninni Radicini, coautore del libro La Grecia contemporanea (1974-2006), ha pubblicato articoli su vari periodici, recensioni e prefazioni a libri.

Visualizza pagina Orizzonti Nuovi con articolo

Puoi proseguire con i seguenti articoli:
Cipro: Elezioni presidenziali 2013 (marzo 2013)

Unione europea e politica di Allargamento (agosto 2012)

Ue: Cipro inizia il semestre di Presidenza (luglio 2012)

Cipro: la questione nazionale nel quadro europeo (gennaio 2011)

Tassos Papadopoulos: Sempre Cipro (dicembre 2008)

Cipro: Passaggio all'Euro e sviluppi nel percorso per la riunificazione (gennaio 2007)

Fia: "Nel Gran premio di Turchia violate le norme della Formula 1" (ottobre 2006)

Cipro: protesta ufficiale per il Gran Premio di Turchia 2006 (settembre 2006)

Elezioni europee 2004: In Grecia l'onda lunga di Nuova Democrazia. A Cipro la vittoria dei partiti del "No" (luglio 2004)

Cipro dice "No" al piano di Annan (maggio 2004)

Cipro: arte, musica e teatro. Nel 50esimo anniversario della indipendenza (giugno 2010)

Progetto Invisibile. Arte e Design italiano a Cipro (dicembre 2009)

Settimana Cipriota a Roma e nel Lazio (maggio 2008)

e con la recensione:
The Rough Guide - Cipro



Libro sulla Storia contemporanea della Grecia dal 1974 al 2006 di Rudy Caparrini, Vincenzo Greco, Ninni Radicini La Grecia contemporanea (1974-2006)
di Rudy Caparrini, Vincenzo Greco, Ninni Radicini
prefazione di Antonio Ferrari, giornalista, corrispondente da Atene per il Corriere della Sera
ed. Polistampa, 2007

Presentazione | Articoli sulla Grecia


Lista articoli

Home page