Dileto Dialeto
Poesie in dialetto triestino dedicate alla cittÓ di Trieste

di Nidia Robba
ed. La Mongolfiera libri, pagg.115, luglio 2011

Copertina libro Dileto Dialeto - raccolta di poesie di Nidia Robba in dialetto triestino (Note dell'Autrice) - Cossa dovessi dir de mi? Mi, de mi? No xe la prima volta che trato l'argomento del mio libro che presento. Anzi devo dir che me diverti, perchŔ no zerco critiche o consensi, nŔ lodi nŔ scriti rafinadi. Po' no xe questa la prima volta che scrivo in dialeto. L'aprocio lo go av¨ con "Trieste La Linda": el primo libro che xe stÓ publicado. El iera mezo in Dialeto e mezo Idioma; me lo presentava un critico che se iera interessado. Ma questa volta el xe tuto in Dialeto meno la dedica, pel gran rispeto che gavevo e go per i "Amici del Dialeto". No iera el caso di cominciar a sbagliar proprio parlando de lori! Anzi me ne scuso subito, con una poesia iniziale, perchŔ el mio dialeto no xe studiÓ. Xe quel che parlo: forsi ingentilido al confronto de quel de ani fÓ.

Dopo considero la stufagine de quei invitai ala presentazion (e xe zÓ 18 libri). Per˛ devo dir che un'amica se ga rabiÓ, perchŔ al 16 luglio del ano passÓ, no la go invitata, pensandola in Sicilia, come sempre in 'sto mese e po' beata l'ora perchŔ cussý no ocoreva che la trovassi scuse per no vinir. Come disi le divisioni, parlo prima de tuto dela mia Trieste: con tanto amor, tenereza e paura. Sý perchŔ la xe, come mi, sfortunada. El suo futuro me preocupa assai: 'sta zitÓ ne ga passade trope!

PensŔ ben! Che altre zitÓ gav¨ tanti paroni? Quei che la ga spetÓ per tanto tempo la ga tratada con indiferenza; ma go paura che sarÓ ancora pezo. Mi pianzo i morti, perchŔ li amo tanto. Come amo la Tera, la Natura, el mondo animale... ma purtropo no amo i predatori: nŔ bestie nŔ omini, nŔ tuti i pi¨ grandi che sempre ga magna i poveri pi¨ pici. Mi son lontana da tute le grandeze. Le mie Ultime VolontÓ lo disi ciaro. Go sempre voia de disprezar e rider de chi vol essere sempre el primo... anche nelo Sport!

La dona me fazeva compassion; ma adesso vedo che la ga esagerado e l¨ ga propio qualche bona ragion. Son fissada con le regole metriche anche se 'endecasillabo spesso tradissi. Le regole devi esister in tuto! Se no, no ghe xe educazion! Finisso questa storia con l'"Ano Astrale", tenendome fissa quei veci equinozi e solstizi. No me disi niente spostarli de qualche giorno. 'sto Ano lo guarnisso, no con oroscopi, ma solo con la dolceza dei fiori, dei fruti e dela gioia che me da le vacanze.




No semo poligloti

La storia de'sto posto
ga cambiÓ i confini
e ga pagÓ alto costo
i sui zitadini.

Nei secoli, el Tedesco
dovevimo imparar,
ma i noni, intorno al desco
nei veci casolar,

tigniva sempre viva,
sperando nel doman,
la lor lingua nativa
che iera l'Italian!

Ala lor Patria unidi
ben poco i gÓ durÓ.
Semo restadi privi
de la nostra unitÓ.

E quante altre parlade,
xe meio de no dir,
se gavessi imparade
prima de se riunir,

se no ghe fossi stade
gran animositÓ
de 'ste genti tacade
all'italianitÓ.

La Giulia, nostro vanto,
smembrada i ne la ga.
L'Istria, nostro rimpianto,
i ne la ga negÓ.

Ma no ghe xe 'na ragion,
pur questa xe realtÓ
de negarne la region,
per fin l'identitÓ.

Un'altra lingua ancora
i ne daria doman:
per l'Italia xe l'ora
che parlemo Furlan!

El Furlan xe una lingua,
i l'insegna a scola
e i vol che i se distingua
per cepo e parola.

Forsi per poco sfogo,
ma se zÓ sensazion,
che 'l ruol de capoluogo
fazi un gran tombolon.

Noi, nelo stivaleto,
semo sol un budel.
'sto suolo benedeto
xe diventÓ sol quel.

Noi che in Italia semo
solo i giovin fanciul
sentirse di dovemo
"Trieste xe in Friul."

(1996)




Sport estremo

L'astronave partirÓ per el spazio.
La sarÓ piena de grandi sportivi
che anderÓ in zerca de nove aventure.

Per lori, star quaz˛ xe vero strazio,
perchŔ de adrenalina i xe ormai privi:
per aver emozion no ghe xe cure.

"Co' saremo lass¨, cossa faremo?"
I se domanda un poco dubiosi.
La logica risposta xe una sola:

"Quel che gavemo fato: sport estremo!
Noi verzeremo, per mati grintosi,
nela palestra del zel, una scola."

I rampigherÓ sul monte de Marte:
del Everest el xe tre volte alto.
Con man e piedi, bianchi, infarinadi

senza corde, come la nova arte,
per arivar in zima con un salto,
eleganti, dale roce stacadi.

Per la distanza che xe calcolada
i corerÓ pi¨ de un ragio de luce,
nela gran pista dela Latea Via,

dove auto, nŔ moto xe arivada.
CambierÓ gome el zemel Pol¨ce.
CÓstore, ala partenza, darÓ el via.

Come rede i segneti zodiacali
dividerÓ el campo dei gran tenisti
che imbrazerÓ, come vere rachete,

per esser unici e sempre speciali,
come nel tempo nissun li ga visti,
le code luminose de comete.

Assai lontan svolerÓ i meteoriti,
da robusti atacanti calciadi,
che segnerÓ, per la squadra, tanti gol

soto i oci dei tifosi acaniti
che mai simili ga visti o sognadi,
perchŔ i riverÓ fin al centro del Sol.

Se buterÓ z˛ dal secio de Acquario
canoe, gomoni o forsi anche nudando,
muli forti pi¨ bei che un dinosauro.

Saltadi sul dorso del Sagitario
i traverserÓ l'Etra cavalcando
e i sfiderÓ a una gara Alfa-Centauro.

Da pianeti che neve mai ga vista,
tra valanghe de polvere cosmica,
se buterÓ con pericolo e vanto

quei che xe fra i pi¨ grandi "forapista"
e i salterÓ, come in una comica,
dentro al'antimateria per incanto.

Nel pelago del zielo, solitari
navigatori, al fin de l'universo
ariverÓ, galassie traversando.

Del "big bang" conterÓ i particolari
pianzendo qualchedun che sarÓ perso
nel'oceano imenso, naufragando.

Questi sarÓ custodi dei segreti
del sconfinato, infinito mistero!
Per praticar sport estremo astrale,

purtropo qualchedun dei meio atleti
scomparirÓ in un gran buso nero,
per vinzer la "medaia universale"!

(2000)



Visualizza ingrandimento copertina libro (dipinto di Helga Lumbar Robba)

Nidia Robba - Romanzi, raccolte di poesie, notizie

Newsletter Kritik di Ninni Radicini su Arte Rassegne di Cinema e Presentazione libri
Prima del nuovo numero di Kritik


Prefazioni e recensioni di Ninni Radicini

Mappa del sito www.ninniradicini.it

Home page