Festival internazionale del cinema di Patmos 2010

di Ninni Radicini

Festival internazionale del cinema di Patmos 2010 La prima edizione (19-25 luglio 2010) dell'IFFP - International Film Festival of Patmos vuole proporsi come una occasione per gli autori greci e internazionali di presentare i propri lavori. Nell'isola del Dodecaneso, nel mar Egeo, in uno scenario di cultura millenaria, la prima edizione - non competitiva - ha in programma una serie di lungometraggi ellenici e internazionali, documentari, cortometraggi di vario genere. Le proiezioni in un teatro all'aperto, progettato per le rappresentazioni cinematografiche, al porto di Patmos e al Monastero di San Giovanni, così come nella Scuola Vecchia, vicino la piazza principale. Alla inaugurazione proiettato Opa! (Gran Bretagna/Grecia, 2005), commedia diretta da Udayan Prasad.

Previste anche iniziative laterali, quali seminari e un omaggio al poeta Robert Lax (Olean - New York, 1915-2000). Dopo gli studi alla Columbia University, ha viaggiato in America ed Europa, fermandosi in Grecia, dove è rimasto dal 1963 al 2000, per la maggior parte nelle isole di Kalymnos e Patmos, vivendo in modo semplice e riservato, senza far nulla di particolare per promuovere la sua attività di poeta - orientatasi nel tempo verso il minimalismo - sebbene sia considerato dei più importanti del mondo anglosassone del Novecento. Il 22 luglio si svolgerà un convegno in cui saranno lette sue poesie in inglese, greco e tedesco; sarà inoltre proiettato il documentario Why should I buy a bed when all I want is sleep, girato dai suoi amici Nicolas Humbert e Werner Penzel.

I lungometraggi: 4 black suits (regia di Renos Haralambides, Grecia 2010); Edge of night (regia di Nikos Panayiotopoulos, Grecia 2000), vincitore dei premi per la miglior attrice, scenografia ed effetti sonori al Festival del Cinema di Thessaloniki; Frontier Blues (regia di Babak Jalali, Iran/Gran Bretagna/Italia 2009); The other bank (regia di George Ovashvili, Georgia/Kazakhstan 2009); Welcome (regia di Philippe Lioret, Francia 2009), vincitore del premio Panorama al Festival del Cinema di Berlino; Plato's Academy (regia di Fillipos Tsitos, Grecia/Germania 2009), il cui protagonista Antonis Kafetzopoulos, ha vinto il premio per il miglior attore al Festival del Cinema di Locarno; Arcadia lost (regia di Phedon Papamichael, Usa/Grecia 2010); Ajami (regia di Scandar Copti e Yaron Shani, Israele/Germania 2009), vincitore della Camera d'Oro al Festival del Cinema di Cannes e, al Festival del Cinema di Thessaloniki, dei premi del pubblico e per la migliore sceneggiatura; The secret in their eyes (regia di Juan Jose Campanella, Argentina/Spagna 2009), Oscar per il miglior film in lingua straniera.

I documentari: Bells, threads and miracles (regia di Marianna Oikonomou, Grecia/Turchia 2008); The game must go on (regia di Angeliki Andrikopoulou e Argyris Tsepelikas, Grecia 2010); The end of poverty? (regia di Philippe Diaz, Usa 2008); Hempsters (regia di Michael Henning, Usa 2008); A sea change (regia di Barbara Ettinger, Usa 2009); Nomads land (regia di Gael Metroz, Svizzera 2009), vincitore del premio Golden Gate al Festival del Cinema di San Francisco; The new tenants (regia di Joachim Back, Danimarca/Usa 2009), vincitore del premio Oscar per il miglior cortometraggio.

I cortometraggi: Instructions (regia di Costas Yiallourides, Grecia/Cipro 2008); This is not a fly (regia di Carlos Fraiha, Brasile, animazione); Hunger (regia di Carolina Hellsgard, Germania); Attack of the robot from Nebula 5 (regia di Chema Garcia Ibarra, Spagna); And I for me (regia di Tzortzis Grigorakis, Grecia); Mei Ling (regia di Stephanie Lansaque e Francois Leroy, Francia, animazione); Omelette (regia di Nadejda Koseva, Bulgaria); Osiki (regia di Yannis Veslemes, Grecia); Les miettes crumbs (regia di Pierre Pinaud, Francia); Post (regia di Matthias Bruhn, Christian Asmussen, Germania); Poi dogs (regia di Joel Moffett, Usa); Les ventres (regia di Philippe Grammaticopoulos, Francia); Meeting Laura (regia di Felix Stienz, Germania); The referee (regia di Paolo Zucca, Italia); Post it love (regia di Simon Atkinson e Adam Townley, Gran Bretagna); Fugata (regia di Tsvetelin Yolov, Bulgaria); Vassilis Karagiorgios (regia di Fivos Kontogiannis, Grecia); Martina y la Luna (regia di Javier Loarte, Spagna); Matagalpa (regia di Bergmans Stephane, Belgio); Fabulous destiny of Toma cuzin (regia di Vlad Trandafir, Romania); Di me que yo (regia di Mateo Gil, Spagna): Monsieur cok (regia di Franck Dion, Francia); True beauty this night (regia di Peter Besson, Usa): Exarheia - Cultural shock (regia di Stamos Dimitropoulos, Grecia); Marina, the fischerman's wife (regia di Carlos Hernandez, Colombia); Party (regia di Dalibor Matanic, Croazia); Success(regia di Diederik Ebbinge, Olanda); Left right (regia di Argiris Germanidis e Stavros Raptis, Grecia); Point of mouth (regia di Midhat Ajanovic-Ajan, Croazia/Bosnia, animazione).



* Ninni Radicini, coautore del libro La Grecia contemporanea (1974-2006), ha pubblicato articoli su vari periodici, recensioni e prefazioni a libri.



Libro sulla Grecia contemporanea dal 1974 al 2006 sulla storia politica, economica e sociale della Repubblica Ellenica La Grecia contemporanea (1974-2006)
di Rudy Caparrini, Vincenzo Greco, Ninni Radicini
prefazione di Antonio Ferrari, giornalista, corrispondente da Atene per il Corriere della Sera
ed. Polistampa, 2007

Presentazione | Articoli sulla Grecia


Articoli di Ninni Radicini su festival del cinema in Grecia e Cipro

Grecia moderna e Mondo ellenico

Lista articoli

Home page