Austria: Elezioni presidenziali 2010

di Ninni Radicini
02 maggio 2010


Le elezioni presidenziali austriache del 25 aprile hanno segnato la vittoria di Heinz Fischer (Sp - Partito socialdemocratico), presidente federale uscente candidato per il secondo mandato consecutivo, con il 79.3%. A seguire, Barbara Rosenkranz (Fp - Partito liberale) con il 15.2% e Rudolf Gehring (Cp - Partito cristiano) al 5.4%. Il 30 aprile, con lo scrutinio delle schede del voto per posta, l'affluenza stata calcolata al 53.6% (nel 2004 era stata 71.6%). In confronto ai dati precedenti al computo del voto postale, aumenta il dato sul numero dei votanti (prima calcolato al 49.2%) e quello raggiunto da Fischer (+0.39%); diminuisce invece quello relativo a Rosenkranz (-0.38%). La scelta della modalit del voto postale ha avuto un incremento, passando da 50mila del '04 a quasi 280mila in questa elezione (su oltre 6 milioni di elettori e diritto di voto dai 16 anni di et).

I motivi della riduzione dell'affluenza alle urne, con record negativi nelle fasce di et sotto i trenta anni e sopra i sessanta, sono state in parte ricondotte allo scarso interesse verso la tipologia di elezione (in riferimento ai poteri del capo dello stato), in parte da considerare voto di protesta anti-partiti. Finora l'astensionismo si era manifestato soprattutto in occasione delle elezioni europee, in particolare le ultime tre, con il minimo nel '04 quando vot il 42.43% degli aventi diritto. Considerando i dati delle Legislative '08, dalle rilevazioni emerge che la maggioranza degli astenuti (46%) in queste Presidenziali lo erano stati anche in quella occasione.

L'insieme degli elettori di vp - Partito popolare, in assenza di un proprio candidato, apparso il pi compatto negli orientamenti, suddividendosi tra chi ha deciso di non esprimere alcuna preferenza alternativa (36% di astenuti e 10% di coloro che hanno espresso un voto dichiarato nullo) e chi, scegliendo tra i candidati in competizione, ha in maggioranza optato per Fischer (44%). Pi articolato, e per alcuni aspetti non in linea con le previsioni, il voto nell'area della destra, nonostante vi fosse un proprio candidato.

Le rilevazioni del Sora Institute, considerando i flussi elettorali, indicano che i voti per Heinz Fischer sono arrivati per il 47% da elettori del Partito socialdemocratico; il 22% Popolari; il 17% Verdi, il 4% Fp, 3% Bz - Alleanza per il futuro dell'Austria e 7% da elettori di altre formazioni. Per Barbara Rosenkranz: 44% da Fp, 23% Bz; 12% Socialdemocratici; 11% Popolari, 2% Verdi; 5% da altre formazioni. Per Rudolf Gehring: 45% dai Popolari; 20% da altre formazioni; 10% dai Socialdemocratici; 8% da Fp, 7% da Bz, 5% da Verdi; 6% da altri.

Fischer ha prevalso in tutte le fascie di et, in particolare coloro di et superiore ai 60 anni, tra cui ha ottenuto un consenso dell'83% (74% in quella sotto i 30 anni e 79% fra i 30-59 anni). La Rosenkranz ha ottenuto il 22% tra gli under 30, il 14% tra i 30-59enni, il 13% tra coloro oltre i 60 anni. Rudolf Gehring ha invece ottenuto il suo miglior risultato tra gli elettori fra 30-59anni, con il 7%; tra gli under 30 il 5%; oltre i 60 anni il 4%.

La maggioranza degli elettori di Fp (62%) e Bz (59%) non si recata alle urne; il 25% di Fp e il 21% di Bz ha votato per Rosenkranz; l'11% di Fp e il 17% di Bz per Fischer. Sebbene il risultato della Rosenkranz sia stato considerato positivo, sia dalla candidata, sia dal partito, all'inizio della campagna elettorale si ipotizzava di arrivare al 30-35%, soprattutto per l'assenza di un candidato dei Popolari. Il miglior risultato ottenuto da un candidato alla presidenza di Fp stato ottenuto da Willfried Gredler nel 1980, con il 17%. Nel corso della campagna elettorale, Barbara Rosenkranz stata al centro di polemiche a seguito di dichiarazioni considerate come contestazione delle norme che vietano attivit politiche riconducibili all'ideologia nazista, poich ritenute in contrasto con il principio della libert di espressione, pur affermando l'avversione per le atrocit commesse durante la Seconda guerra mondiale e sostenendo che le sue dichiarazioni fossero state fraintese.

La sua candidatura stata considerata anche un test di Fp per valutare le proprie possibilit alle prossime elezioni amministrative a Vienna. Nelle Legislative del sett. '08, a Vienna i socialdemocratici ebbero, come nell'insieme, un significativo ridimensionamento dei consensi, mentre i due partiti di destra - Fp e Bz - ottennero risultati notevoli; in particolare Fp, il partito prima presieduto da Jrg Haider, che raggiunse il 20% (oltre a Bz con il 4%). A Vienna, Barbara Rosenkranz ha comunque ottenuto il 17% in aree tradizionalmente di sinistra. Per Rudolf Gehring, si tratta di un risultato di rilievo, seppure l'assenza di un candidato dei Popolari prospettasse un dato anche pi consistente. Cp stato fondato '05 a destra del Partito Popolare, con un programma che fa riferimento ai principi tradizionali del cattolicesimo. Alle Legislative '08 ha ottenuto lo 0.6%. Valutando i risultati nei singoli lnder, i tre candidati hanno ottenuto consensi con ordini di grandezza pressoch uniformi.

Fischer ha raggiunto il risultato pi alto a Vienna (82%), in Tirolo (80.9%) e in Vorarlberg (80%), regioni - le ultime due - in cui l'affluenza alle urne stata la pi bassa (37% in Tirolo e 34% in Vorarlberg). Rosenkranz ha ottenuto il miglior risultato in Carinzia (20.8%); Gehring in Vorarlberg (10.8%). La scarsa affluenza degli elettori ha determinato un avvio di dibattito sulla eventualit di una riforma, sia tecnica sia dei poteri conferiti al capo dello stato (simili a quelli previsti nella Costituzione italiana e in quella tedesca). Da parte socialdemocratica si avanzata l'opzione di passare dal mandato di sei anni rinnovabile solo una volta consecutiva ad un unico mandato di otto anni (senza possibilit di rielezione).

Fp ha invece proposto come riferimento l'esempio svizzero, dove il presidente della Confederazione, eletto dall'Assemblea federale per un anno, parte del Consiglio federale - l'esecutivo - di cui "primus inter pares", ovvero con potere non superiore agli altri consiglieri. Bz ha proposto di aggregare i poteri del Presidente federale e del Cancelliere. Cambiamenti che comporterebbero un complessivo riequilibrio dei poteri, con modifiche alla Costituzione e al sistema elettorale. Da dicembre '08 l'Austria governata da una coalizione tra socialdemocratici e popolari, i due maggiori partiti, seppure entrambi abbiano perso molti consensi nelle elezioni legislative svoltesi nel settembre precedente e alle Europee '09.



* Articolo pubblicato nel sito di Orizzonti Nuovi - Periodico di informazione e analisi di Italia dei Valori

Puoi proseguire con i seguenti articoli:
Elezioni legislative 2013 in Austria (ottobre 2013)

Vienna: i Socialdemocratici perdono la maggioranza assoluta (novembre 2010)

Ungheria: sconfitta dei socialisti e ritorno al governo del centrodestra (maggio 2010)

Austria - Elezioni '08: Avanzata della Destra e crisi del Bipolarismo (ottobre 2008)

Articoli relativi a partiti politici euroscettici

Libro sulla Storia contemporanea della Grecia dal 1974 al 2006 La Grecia contemporanea (1974-2006)
di Rudy Caparrini, Vincenzo Greco, Ninni Radicini
prefazione di Antonio Ferrari, giornalista, corrispondente da Atene per il Corriere della Sera
ed. Polistampa, 2007

Presentazione | Articoli sulla Grecia


Lista articoli

Home page